Michael McGivney

Michael McGivney

(1852-1890)

Beatificazione:

- 31 ottobre 2020

- Papa  Francesco

Sacerdote, fondatore dei Cavalieri di Colombo

  • Biografia
  • la causa di Beatificazione
Era un uomo della gente, partecipava ai problemi della gente e tutta la gentilezza della sua anima di prete si confermava fortemente e incessantemente negli sforzi per migliorare la loro condizione

 

Michael Joseph McGivney nacque il 12 agosto del 1852 a Waterbury, nel Connecticut, da immigrati irlandesi, primogenito di 13 figli, è stata una figura di spicco nella Chiesa negli Stati Uniti del XIX secolo.

Ordinato sacerdotte nel 1877, svolse il suo ministero nella numerosa comunità irlandese-americana, prima come vice vice-parroco a New Heaven, e poi come parroco a Thomaston, non lontano dalla sua città natale, conquistandosi la fama di uomo di profonda fede e di "Buon Samaritano".

Nel 1882 fondò insieme ad un gruppo di laici cattolici i Cavalieri di Colombo, nata come un’associazione per sostenere nella fede e aiutare le famiglie in difficoltà economiche per la malattia o la morte del capofamiglia.

Oggi l'organizzazione è presente in tutto il mondo con oltre un milione e mezzo di membri, impegnati nell’evangelizzazione, nella carità, nella promozione dell'integrazione razziale e nella difesa della libertà religiosa.

 

Nel 1996, l’ arcidiocesi di Hartford diede inizio alla Causa di Beatificazione. L’inchiesta diocesana fu chiusa nell’anno 2000 e il 15 marzo 2008 papa Benedetto XVI ne riconobbe l’eroicità delle virtù, dichiarandolo Venerabile.

Per la beatificazione del Venerabile Servo di Dio Michele McGivney, la Postulazione della Causa presentò all’esame della Congregazione l’asserita guarigione miracolosa, attribuita alla sua intercessione, di un neonato da “idrope fetale non immune con versamenti multipli nelle sierose, ad insorgenza precoce; in soggetto da trisomia 21 (sindrome di Down), coartazione aortica”. L’evento accadde il 15 maggio 2015 nel Tennessee (Stati Uniti d’America). La madre era alla sua quattordicesima gravidanza quando, nel gennaio 2015, un’ecografia evidenziò che il feto, di sesso maschile, risultava positivo alla Trisomia 21. Un successivo esame palesò la diagnosi di idrope fetale grave che, per le peculiarità del caso (Trisomia 21), avrebbe comportato un’altissima probabilità di morte intrauterina. Da questo momento i coniugi iniziarono a chiedere l’intercessione del Venerabile Servo di Dio, affinché intercedesse per la salvezza del figlio. Un’ecografia praticata nel mese successivo mostrò la scomparsa dell’idrope. Il neonato nacque, contro ogni previsione, il 15 maggio 2015, alla 31a settimana di gestazione. L’iniziativa di invocare P. McGivney affinché salvasse la vita al nascituro fu presa dal marito della signora il quale, lavorando presso l’Ordine dei Cavalieri di Colombo, era solito pregare il Fondatore insieme ai colleghi. Nella preghiera, a lui si unirono la moglie, altri familiari e amici.