Causa in corso
Pietro Ortiz de Zárate e Giovanni Antonio Solinas
- Venerabili Servi di Dio -

Pietro Ortiz de Zárate e Giovanni Antonio Solinas

(† 1683)

Beatificazione:

- 02 luglio 2022

- Papa  Francesco

Pietro Ortiz de Zárate, Sacerdote diocesano e Giovanni Antonio Solinas, Sacerdote professo della Compagnia di Gesù, erano consapevoli dei rischi che la loro missione comportava, ma pronti ad essere testimoni fino all’ultimo, del messaggio evangelico che stavano diffondendo

  • Biografia
  • Decreto sul Martirio
“Non devo arrendermi, per procurarmi con tutte le forze la vita eterna delle loro anime, anche se perdo quella del corpo”

 

    La storia della prima evangelizzazione del continente americano annovera numerosi missionari, soprattutto spagnoli e portoghesi, che dedicarono la vita alla divulgazione della fede e alla difesa degli indigeni.

    La Causa in parola riguarda due Servi di Dio che operarono nell’attuale territorio dell’Argentina.

    Essi sono:

    1. PIETRO ORTIZ DE ZÁRATE. Nato il 29 giugno 1626 a San Salvador de Jujuy (Argentina), in una famiglia di origine basca (Spagna), a 17 anni contrasse matrimonio con Petronila Ibarra Argañarás y Murguía, donna benestante, dalla quale ebbe due figli. Svolse anche incarichi civili, tra cui quello di sindaco. Rimasto vedovo, affidò i figli alla nonna materna, con l’intento di seguire la vocazione sacerdotale. Venne ordinato sacerdote intorno al 1657. Si dedicò ad un’intensa attività apostolica. Nel 1659 fu nominato parroco di Jujuy, dove rimase per 24 anni. Si distinse per l’impegno nella preghiera, l’attenzione al culto divino e alla musica sacra e per l’amministrazione dei sacramenti. Con grande spirito apostolico, affrontava anche lunghe distanze per favorire la promozione umana e cristiana delle popolazioni indigene e per assistere i poveri e i malati. Promosse la costruzione di chiese e cappelle, anche attingendo ai fondi del suo patrimonio personale.

    Nel maggio del 1683 si mise in cammino con altri due sacerdoti, tra cui il Servo di Dio Giovanni Antonio Solinas, e un gruppo di oltre settanta persone. Dopo un viaggio lungo e molto pericoloso, raggiunsero la Valle di Zenta, dove il 27 ottobre 1683 Pedro Ortiz de Zárate, Juan Antonio Solinas e altri 18 laici, tra i quali anche alcuni indigeni, vennero uccisi dagli aborigeni appartenenti alle etnie Tobas e Mocovíes.

    2. GIOVANNI ANTONIO SOLINAS. Nato ad Oliena (Nuoro, Italia), nel 1663 entrò nella Compagnia di Gesù. Dopo il noviziato trascorso a Cagliari, emise la professione religiosa il 16 giugno 1665. Nei primi mesi del 1672 manifestò ai superiori la vocazione missionaria, orientata verso gli aborigeni americani. Si mise subito in viaggio con alcuni compagni, raggiungendo prima Barcellona, poi Madrid e, infine, Siviglia, dove completò gli studi di teologia e, il 27 maggio 1673, fu ordinato sacerdote. Giunto a Córdoba (Argentina), raggiunse Buenos Aires nel 1675 e quindi Santa Fé, dove effettuò il terzo e ultimo anno di noviziato. Il suo primo campo di apostolato fu nel 1678 quello della Reducción di Itapúa (Paraguay), ove si distinse per lo zelo apostolico e la carità verso i nativi. In seguito fu impegnato nella Reducción di Santa Ana.

    Dopo un periodo trascorso con gli aborigeni dell’etnia Hohomas, nel 1680 fu inviato come cappellano militare. Nei due anni seguenti prestò l’opera missionaria in altre Reducciones. Nel 1683 venne destinato alla missione del Chaco, insieme al Servo di Dio Pietro Ortiz de Zárate. Mentre i due Servi di Dio con altri accompagnatori si trovavano nel forte San Rafael, furono attaccati dagli aborigeni Tobas e Mocovíes e crudelmente assassinati il 27 ottobre 1683.

    Il martirio materiale si verificò il 27 ottobre 1683. Quel mattino i Servi di Dio, dopo aver celebrato la Santa Messa, si trovavano insieme a diciotto laici, tra cui vi erano anche degli Indios convertiti, quando furono circondati da circa centocinquanta indigeni che, fingendo un approccio pacifico, li aggredirono mortalmente. Con violenza inaudita li assalirono con lance e asce, li torturarono smembrando i loro corpi. Furono mozzate le teste e praticata l’antropofagia. I resti mortali furono trovati l’indomani da testimoni oculari che narrarono l’accaduto.

    Riguardo al martirio formale ex parte persecutoris, molte tribù erano in lotta tra loro e i missionari, che portavano il messaggio di pace del Vangelo, si trovarono al centro di tali contrasti. L’odium fidei fu la motivazione prevalente dell’agire dei carnefici.

    Circa il martirio formale ex parte victimarum, i Servi di Dio erano consapevoli dei rischi che la loro missione comportava, pronti ad essere testimoni fino all’ultimo del messaggio evangelico che stavano diffondendo.

    Nel 1988 la Causa includeva i 18 compagni dei Servi di Dio uccisi insieme a loro ma, nel 2002, i 18 laici furono espunti per mancanza di documentazione.

 

ORÁN

 

BEATIFICAZIONE o DICHIARAZIONE DI MARTIRIO

dei Servi di Dio

PEDRO ORTIZ DE ZÁRATE

Sacerdote diocesano

e

GIOVANNI ANTONIO SOLINAS

Sacerdote professo della Compagnia di Gesù

(† 27 ottobre 1683)

_____________________

 

DECRETO SUL MARTIRIO

 

    “Non devo arrendermi, per procurarmi con tutte le forze la vita eterna delle loro anime, anche se perdo quella del corpo”.

    Mediante queste parole, che il Servo di Dio Pedro Ortiz de Zárate pronunciò poco tempo prima di morire, si comprendono le disposizioni interiori di lui e del Servo di Dio Giovanni Antonio Solinas ad offrire la vita come testimoni fino all’ultimo del Vangelo che stavano annunciando.

    Il Servo di Dio Pedro Ortiz de Zárate nacque il 29 giugno 1626 a San Salvador de Jujuy. A 18 anni contrasse matrimonio, ma rimase vedovo 9 anni dopo. Affidò allora i due figli alla loro nonna materna e decise di seguire la sua primitiva vocazione allo stato ecclesiastico. Fu ordinato sacerdote intorno al l657. Lavorò dapprima a Humahuaca e nelle località vicine, poi si insediò nella parrocchia di Jujuv, di cui fu costituito parroco nel 1661. Vi esercitò la cura pastorale per 24 anni e svolse anche incarichi diocesani. Aveva un grande spirito apostolico, ovvero ben curava la preghiera, amministrava i sacramenti e assisteva i poveri ammalati. Copriva per questo lunghe distanze e, attingendo anche al proprio patrimonio, costruiva cappelle. Ebbe a cuore la promozione umana e di fede degli indigeni, di cui comprendeva le difficoltà e che difendeva dall’ingiustizia.

    Il Servo di Dio Giovanni Antonio Solinas nacque ad Oliena, in diocesi di Nuoro, nel 1643. A vent’anni entrò nella Compagnia di Gesù ed emise la professione religiosa il 16 giugno 1665. Dopo alcuni anni, nei quali insegnò lettere in Sardegna, manifestò ai superiori il desiderio di partire missionario degli indios americani, cosa che invero gli fu concessa. A Siviglia completò gli studi e il 27 maggio 1673 fu ordinato sacerdote. All’inizio dell’anno seguente si imbarcò per l’Argentina con alcuni giovani gesuiti. Stabilitosi in un primo tempo a Córdoba, si recò poi a Buenos Aires e quindi a Santa Fe. In seguito, in Paraguay si distinse per una grande carità verso gli indios. Nel 1680 fu inviato con tre gesuiti come cappellano militare per assistere i soldati nella difesa di Colonia del Sacramento. Fra il 1681 e il 1682 prestò la sua opera in altre missioni della Compagnia di Gesù.

    Fu allora che Pedro Ortiz de Zárate concepì e intraprese un progetto missionario per l’evangelizzazione del Chaco, territorio che egli sapeva davvero essere il più ostile. Chiese l’aiuto dei missionari della Compagnia di Gesù e così partì, il 4 maggio 1683, insieme ai sacerdoti Giovanni Antonio Solinas e Diego Ruiz, nonché altre 70 persone circa. Tutti erano consapevoli dei rischi che avrebbero corso. Dopo un avventuroso viaggio, raggiunsero la valle di Zenta. Furono pacificamente accolti da alcune tribù indigene. Nel luglio 1683 Diego Ruiz partì per l’approvvigionamento. Informati dopo tre mesi del suo imminente ritorno, i Servi di Dio gli andarono incontro con 23 persone in località Santa Maria. Lì furono assaliti da una congiura di oltre seicento indios delle tribù Tobas e Mocovies, che già li avevano minacciati di morte. Cercarono di ottenere con doni la loro amicizia, tanto che lasciarono le armi in disparte. Il 27 ottobre prima celebrò la Messa Pedro Ortiz de Zárate, poi Giovanni Antonio Solinas. Appena terminata la celebrazione, vedendo indifesi i Servi di Dio, gli indigeni gridarono forte e tolsero loro la vita con dardi e mazze. Uccisero anche altri 18 lì presenti. Fecero quindi scempio dei cadaveri, li denudarono, tagliarono loro la testa, bevvero dai loro teschi, ne avrebbero consumato anche le carni e li lasciarono in balia degli uccelli rapaci. La crudeltà di tali pratiche, fomentata dai capi religiosi di quelle popolazioni tribali, proveniva da ritualità apertamente pagane e manifestò un chiaro rifiuto della fede che i missionari annunciavano. Per di più i Servi di Dio erano ministri di una religione che cercava di portare pace, laddove invece le tribù usavano una politica aggressiva non solo verso gli spagnoli ma anche fra di loro. Per questi motivi la morte dei Servi di Dio fu subito considerata martirio. Anche le più antiche immagini li raffigurano con gli elementi peculiari che spettano a chi ha perso la vita per amore di Cristo e della Chiesa.

    Poiché tale fama non si è mai sopita, più volte si ritenne, per interessamento dei vescovi della diocesi di Orán e di quella regione pastorale, nonché del vescovo di Nuoro, di avviare la Causa di beatificazione, ovvero di riconoscimento del martirio, dei Servi di Dio. L’Inchiesta diocesana fu celebrata presso la Curia ecclesiastica di Orán dal 4 maggio 2007 al 14 novembre 2016. Questa Congregazione delle Cause dei Santi ne riconobbe la validità giuridica con decreto dell’8 giugno 2017. Si confezionò quindi la Positio e la si sottopose al giudizio dei Consultori Storici il 24 settembre 2019. Si è poi discusso, secondo l’iter consueto, se quello dei Servi di Dio sia stato un vero e proprio martirio. I Consultori Teologi si sono espressi favorevolmente il 18 febbraio 2021. I Padri Cardinali e Vescovi, riuniti nella Sessione Ordinaria del 28 settembre 2021, hanno riconosciuto che i Servi di Dio furono uccisi in odium fidei.

    Il sottoscritto Cardinale Prefetto ha quindi riferito tutte queste cose al Sommo Pontefice Francesco. Sua Santità, accogliendo e confermando i voti della Congregazione delle Cause dei  Santi, ha oggi dichiarato: è provato il martirio, e la sua causa, dei Servi di Dio Pedro Ortiz de Zárate, Sacerdote diocesano, e Giovanni Antonio Solinas, Sacerdote professo della Compagnia di Gesù, nel caso e per il fine di cui si tratta.

    Il Sommo Pontefice ha poi disposto che il presente decreto venga pubblicato e inserito negli atti della Congregazione delle Cause dei Santi.

    Dato a Roma il 13 ottobre nell’anno del Signore 2021.

 

Marcello Card. Semeraro

Prefetto

 

                                                            + Fabio Fabene

                                                            Arciv. tit. di Montefiascone

                                                            Segretario

 

 

 

 

_______________________________________

 

 

 

 

 


NOVORANENSIS

 

BEATIFICATIONIS seu DECLARATIONIS MARTYRII

Servorum Dei

PETRI ORTIZ DE ZÁRATE

Sacerdotis dioecesani

et

IOANNIS ANTONII SOLINAS

Sacerdotis professi Societatis Iesu

(† die 27 mensis Octobris anno 1683)

_____________________

 

DECRETUM SUPER MARTYRIO

 

    “Mihi est minime desistendum, ut aeternam earum animarum vitam cunctis meis viribus redimam, etsi meam corporis perdidero”.

    Haec per verba, quae Servus Dei Petrus Ortiz de Zárate paulo ante quam mortuus est pronuntiavit, interiorem eius ac Servi Dei Ioannis Antonii Solinas voluntatem licet intellegere ad vitam offerendam, sicut testium usque ad finem Evangelii, quod nuntiabant.

    Servus Dei Petrus Ortiz de Zárate die 29 mensis Iunii anno 1626 ortum duxit in urbe v.d. San Salvador de Jujuy. Sua duodeviginti annorum aetate, matrimonium contraxit atque, novem post annos, uxorem amisit. Tunc duos liberos ad eorum aviam ex matre commisit ac primam sequi vocationem ad statum ecclesiasticum censuit. Presbyter ordinatus est circiter anno 1657. Primo in urbe v.d. Humahuaca vicinioribusque locis operatus est, dein consedit in paroecia v.d. Jujuy, cuius parochus constitutus est anno 1661. Illic animarum curam quattuor et viginti annos exercuit atque dioecesanis quoque functus est muneribus. Apostolicum spiritum magnum obtinebat, scilicet precationem procurabat, administrabat sacramenta egenisque adsidebat aegrotis. Cuius causa, longiora emetiebatur itinera atque, suo etiam ex patrimonio pecuniam depromens, aediculas condebat. Promovendam humanitatem indigenarumque fidem ex animo curabat, quorum intellegebat angustias et quos contra iniustitiam defendebat.

    Servus Dei Ioannes Antonius Solinas Olienae ortus est, Nuorensi in dioecesi, anno 1643. Viginti annos natus, Societatem Iesu ingressus est ac die 16 mensis Iunii anno 1665 religiosam emisit professionem. Aliquot post annos, quibus litteras in Sardinia docuit, se cupere superioribus ostendit ad Indos Americanos missionarium proficisci, quod vero ei concessum est. Hispali studia complevit ac die 27 mensis Maii anno 1673 presbyter est ordinatus. Ineunte sequenti anno, una cum aliquibus Societatis Iesu iuvenibus ad Argentinam appulit. Cordubae primum constitutus, dein Bonaëropolim petit, inde Urbem Sanctae Fidei. Postea in Paraquaria eximia in indigenas caritate eminuit. Anno 1680 cum tribus religiosis Societatis Iesu missus est cappellanus ad milites adiuvandos, pro Coloniae Sacramenti defensione propugnantes. Inter annum 1681 et annum 1682 aliis in missionibus Societatis Iesu operatus est.

    Illo ipso tempore Petrus Ortiz de Zárate missionarium concepit et inchoavit propositum de regione v.d. Chaco evangelizanda, quam inimicissimam quidem esse noscebat. Missionariorum Societatis Iesu auxilium postulavit, ita ut die 4 mensis Maii 1683, una cum presbyteris Ioanne Antonio Solinas et Didaco Ruiz, necnon septuaginta circiter hominibus, proficisceretur. Omnes pericula, quibus periclitaturi erant, noverant. Post iter laboribus plenum, ad vallem v.d. Zenta pervenerunt. Quibusdam ab Indorum tribubus placide sunt receptis. Mense Iulio anno 1683 Didacus Ruiz profectus est ad commeatum. Tribus mensibus post, certiores facti eum proxime rediturum, Servi Dei, una cum tribus et viginti hominibus, in locum Sanctae Mariae ei obviam iverunt. Quo loco invasi sunt coniuratione plus quam secentarum tribuum v.d. Tobas et Mocovíes indigenarum, quae iisdem mortem iam minati erant. Quorum amicitiam vero expetiverunt donis, adeo ut sua arma seorsum relinquerent. Die 27 mensis Octobris primus Petrus Ortis de Zárate, alter Ioannes Antonius Solinas Missam celebravit. Hac ipsa celebratione vix peracta, Servos Dei indefensos videntes, indigenae clamorem magnum ediderunt ac telis clavisque vitam iis eripuerunt. Et duodeviginti alios adstantes interfecerunt. Inde cadavera laceraverunt, quae nudaverunt ac decollaverunt, necnon ex calvis potaverunt, eorumque carnes exederunt, denique eadem ad rapaces exposita reliquerunt. Harum actionum saevitas ritibus manifeste paganis procedebat, quam religiosi illarum civitatum duces fovebant, claramque repudiationem patefecit fidei, quam iidem missionarii nuntiabant. Ultroque Servi Dei religionis ministri erant, quae concordiam instituere conabatur, ubi e contrario tribus non in Hispanicos tantum, sed inter se ipsas quoque vi uti solebant. Quapropter mors Servorum Dei statim ad martyrii rationem est exquisita. Quos etiam imagines antiquissimae peculiaribus elementis descripserunt, quae enimvero ad eos, qui vitam ob caritatem in Christum et in Ecclesiam amiserunt, pertinent.

    Hac ipsa fama numquam senescente, Episcoporum dioecesis Novoranensis illiusque regionis pastoralis, Episcopi quoque Nuorensis studio, compluries visum est Servorum Dei Causam beatificationis seu declarationis martyrii incipere. Inquisitio dioecesana apud Curiam ecclesiasticam Novoranensem celebrata est, a die 4 mensis Maii anno 2007 ad diem 14 mensis Novembris anno 2016. Haec Congregatio de Causis Sanctorum iuridicam eius validitatem agnovit per decretum diei 8 mensis Iunii anno 2017. Positio inde est exarata, Consultorumque Historicorum iudicio die 24 mensis Septembris anno 2019 subiecta. Deinde, per usitatum iter, disceptatum est an Servorum Dei verum fuisset martyrium. Consultores Theologi adfirmative locuti sunt die 18 mensis Februarii anno 2021. Patres Cardinales et Episcopi, Ordinaria in diei 28 mensis Septembris anno 2021 Sessione congregati, Servos Dei professi sunt in odium fidei esse interfectos.

    Facta demum de hisce omnibus rebus Summo Pontifici Francisco per subscriptum Cardinalem Praefectum accurata relatione, Sanctitas Sua, vota Congregationis de Causis Sanctorum excipiens rataque habens, hodierno die declaravit: Constare de martyrio eiusque causa Servorum Dei Petri Ortiz de Zárate, Sacerdotis dioecesani, et Ioannis Antonii Solinas, Sacerdoti professi Societatis Iesu, in casu et ad effectum de quo agitur.

    Hoc autem decretum publici iuris fieri et in acta Congregationis de Causis Sanctorum Summus Pontifex referri mandavit.

    Datum Romae, die 13 mensis Octobris a. D. 2021.