Simò Reynés Solivellas e 6 compagni

Simò Reynés Solivellas e 6 compagni

(† 1936)

Beatificazione:

- 28 ottobre 2007

- Papa  Benedetto XVI

Ricorrenza:

- 6 novembre

Sono un gruppo di uomini e donne, sacerdoti, religiosi e religiose, alcuni molto giovani, uccisi per aver testimoniato la fede o per aver accolto con amore chi era stato esclaustrato a forza durante la guerra civile spagnola nel 1936

  • Biografia
«Ne terreamini ab his, qui occidunt corpus, et post haec non habent amplius, quod faciant» (Lc. 12,4 )

 

Breve apostolico di beatificazione

 

«Ne terreamini ab his, qui occidunt corpus, et post haec non habent amplius, quod faciant» (Lc. 12,4 ).

I Venerabili Servi di Dio Simó Reynés Solivellas e i suoi 5 Compagni, insieme a Prudència Canyelles y Ginestà, sono stati accomunati nel martirio per la loro fede cattolica. Sono un gruppo di uomini e donne, sacerdoti, religiosi e religiose, alcuni molto giovani, uccisi per aver testimoniato la fede o per aver accolto con amore chi era stato esclaustrato a forza durante la guerra civile spagnola nel 1936. La misericordia esercitata durante la loro vita portò frutto alla Chiesa di Barcellona e ai molti che pur non potendo impedire la loro morte, li accompagnarono con la loro fede e solidarietà. Questi Martiri sono:

 

1.      P. Simó Reynés Solivellas, Sacerdote e Religioso della Congregazione Missionaria dei SS. Cuori di Gesù e Maria, M.SS.CC.,  nato il 23 gennaio 1901 a Manacor. Fin dall’età di undici anni aveva fatto parte del coro della cattedrale, entrato nel noviziato dei Padri Missionari dei SS. Cuori di Gesù e Maria professò solennemente il 2 gennaio 1925 e il 21 novembre fu ordinato presbitero. Fu assistente del maestro dei novizi, professore, cappellano. Inviato a Barcellona vi fu ucciso il 23 luglio.

2.      P. Miquel Pons Ramis, Sacerdote e Religioso della Congregazione Missionaria dei SS. Cuori di Gesù e Maria, M.SS.CC., nato l’8 luglio 1907 a Llubí ed ucciso il 23 luglio.

3.      P. Francesc Mayol Oliver, Religioso Coadiutore della Congregazione Missionaria dei SS. Cuori di Gesù e Maria, M.SS.CC., nato il 31 maggio 1871 a Vilafranca de Bonany ed ucciso il 23 luglio.

4.      P. Pau Noguera Trías, Religioso della Congregazione Missionaria dei SS. Cuori di Gesù e Maria, M.SS.CC., nato il 24 novembre 1916 a Sóller ed ucciso il 23 luglio insieme a due religiose della Congregazione delle Suore Francescane Figlie della Misericordia, F.H.M.,

         che sono:

5.      Sr. Catalina Caldés Socías, F.H.M., Religiosa, nata il 9 luglio 1899 a La Pobla, professò solennemente nel 1925 e fu uccisa il 24 luglio.

6.      Sr. Miquela Rullán Ribot, F.H.M., Religiosa, nata il 24 novembre 1903 a Petra, professò solennemente nel 1935 e fu  uccisa il 24 luglio.

7.      Prudència Canyelles Ginestà, vedova. Nata il 5 agosto 1884 a St. Celoni. Presso di lei si erano rifugiati i Venerabili Servi di Dio Simó Reynés Solivellas, Miquel Pons Ramis, Francesc Mayol Oliver e uccisa per la sua cristiana accoglienza il 24 luglio.

Il popolo di Dio considerò tutti costoro martiri della fede. Il consolidamento di tale fama nel corso degli anni indusse l’Arcivescovo di Barcellona, negli anni 1952 – 1968 ad istruire il Processo Ordinario Informativo, che fu giuridicamente approvato il 20 novembre 1992. Adempiuto regolarmente quanto stabilito dal diritto, Noi stessi autorizzammo la Congregazione dei Santi a promulgare il 26 giugno 2006 il decreto sul martirio. Stabilimmo poi che il rito della beatificazione si sarebbe svolto a Roma il 28 ottobre 2007.